Barack Obama non potrebbe essere più orgoglioso per il coming out di Jason Collins

Barack Obama applaude la scelta di fare coming out da parte del giocatore di basket Jason Collins.

Per Obama è incostituzionale il no dei singoli Stati alle nozze gay

Negli Usa ha fatto molto discutere la decisione -applaudita- di fare coming out da parte del giocatore di basket Nba Jason Collins. L'uomo ha voluto ammettere con estrema naturalezza la sua omosessualità:

"Sono felice di poter smettere di nascondermi e tornare a concentrarmi sulla mia 13ª stagione Nba. Dimostrerò che i giocatori gay non sono differenti dagli etero. L’unica etichetta che tollero nella mia vita è quella di professionista tra i professionisti. Me la sono guadagnata giocando senza timore, sacrificandomi per i compagni. Sono sempre stato un duro e sono sicuro che il fatto che proprio un giocatore come me sia gay sconvolgerà molte persone. Sono sempre stato un duro per dimostrare che essere gay non significa non poterlo essere? Non lo so, per me conta solo vincere"

Anche Barack Obama, il Presidente degli Stati Uniti d'America, ha espresso il suo sostegno e la sua stima verso lo sportivo con parole davvero delicate ed emozionanti:

"Ho avuto la possibilità di parlare con lui ieri, sembra un giovane uomo fantastic. Gli ho detto che non potrei essere più orgoglioso di lui. Una delle misure straordinarie di progresso che abbiamo visto in questo paese è stato il riconoscimento che la comunità LGBT merita piena uguaglianza, non solo l'uguaglianza parziale, non solo tolleranza, ma un riconoscimento che loro facciano pienamente parte della famiglia americana. E data l'importanza dello sport nella nostra società, per un individuo che ha eccelso ai più alti livelli in uno dei principali sport del Paese. Penso che per un sacco di ragazzi là fuori, gay o lesbiche e sono alle prese con questi problemi, vedere un modello come quello che non ha paura, penso che questa sia una grande cosa. E penso che gli americani dovrebbero essere orgogliosi che questo sia solo un altro passo in questo riconoscimento in corso che noi trattiamo tutti in modo uguale e che tu fanno parte di una famiglia. Noi giudicheremo le persone sulla base del loro carattere e sulle loro prestazioni e non per il loro orientamento sessuale. Sono molto orgoglioso di lui"

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail