Studente gay vestito da donna non può entrare al ballo studentesco

Ballo studentesco Ad uno studente gay, al quale era stato rifiutato l'ingresso al ballo studentesco per aver indossato un abito (da donna), è stato negato il rimborso per i soldi che aveva speso. Il giovane, conosciuto solo come "Jeremy", era stato allontanato dal ballo della scuola superiore, quando era comparso in un abito alla scuola George Washington, a Guam, nella quale era iscritto. Guam è territorio americano, la parte più ad ovest dell'Oceano Pacifico, vicino al Giappone.

Jeremy, che si identifica come gay piuttosto che trans, ha detto di essersi sentito discriminato dai dirigenti della scuola: lo studente dice di aver speso 400 dollari in vestiti, scarpe e trucco per il ballo, tutto inutilmente, perchè non gli è stato concesso di parteciparvi. Recentemente, Jeremy ha incontrato i funzionari della scuola per domandare un rimborso sul biglietto e sulle sue spese personali per l'evento, nonchè le pubbliche scuse. Tutto inutile poichè ogni sua richiesta è stata rifiutata. Begona Flores, preside della George Washington School, ha dichiarato:

"Non c'è bisogno di scuse pubbliche, poichè non abbiamo reso noi pubblica la cosa. Lui è stato quello che l'ha fatto. Non è necessaria alcuna giustificazione, secondo il consiglio legale. Lui era a conoscenza dell'abbigliamento: quello per ragazzo, quello per ragazze. E lui ha deliberatamente scelto di comprare qualcos'altro. Perciò perchè dovremmo essere responsabili. Vuoi essere così, ma non in questa situazione. E non vogliamo incolpare nessuno, perchè quando io vedo Jeremy qui, lui è un ragazzo."

Jeremy si è sempre vestito ed espresso come un ragazzo mentre frequentava la scuola; per questo il personale scolastico era molto sorpreso quando lo ha visto arrivare al ballo vestito in abito da sera. E la Flores ha aggiunto:

"Non ho intenzione di cambiare la politica perchè io non credo in questo. Non ci credo perchè ho le mie opinioni personali e non ho intenzione di farmi deviare da queste cose"

Jeremy ha ribadito che tutto quello che vuole è la giustizia del sistema per essere certo che le persone vengano trattate allo stesso modo e non diversamente solo per la loro sessualità. Il crimine di omosessualità a Guam è inesistente dal 1979 e la legislatura è sotto dibattito riguardo alle unioni civili per persone dello stesso sesso. Qual è la vostra opinione? Jeremy aveva il diritto di entrare anche se in abito da sera oppure è giusto rispettare le "regole" sull'abbigliamento del ballo studentesco? Richieste adeguate quelle del ragazzo o giustamente non deve essere risarcito? Io penso che potrebbero restituirgli i soldi che ha speso per il biglietto, ma per quanto riguarda l'abito, alla fine lui ha scelto di comprarlo e di spendere quei soldi in trucco e vestiario... Non è forse una pretesa eccessiva?

  • shares
  • Mail
25 commenti Aggiorna
Ordina: