Pallone gay friendly

Il calcio inglese decisamente non è più la patria degli hooligans.

Il Manchester City è la prima squadra della Premiere League inglese, la serie A in pratica, a sottoscrivere il Diversity Champions scheme, un programma lanciato dall'associazione per i diritti glbt Stonewall e rivolto alle aziende, con l'obiettivo di tutelare i lavoratori gay, lesbiche e trans e incoraggiare la loro uscita allo scoperto senza timore di ripercussioni.

Con questo atto, la squadra di Manchester - la seconda della città dopo lo United - promette di aprire le porte ai lavoratori glbt e anzi invita i tifosi gay e lesbiche ad affollare curve e tribune. Un gesto di civiltà e tolleranza, ma anche un buon affare, visto il peso che la cosiddetta "sterlina rosa" - i soldi dei cittadini omosessuali - comincia ad assumere nell'economia britannica.

  • shares
  • Mail