Il rapper T-Pain difende il suo assistente gay dal bullismo omofobo

Presa di posizione contro l'omofobia da parte del rapper T-Pain.

t-pain

Se il mondo del rap sembra essere sempre più aperto dopo il coming out di Frank Ocean, nelle ultime settimane hanno fatto discutere le parole di Snoop Lion. Il cantante aveva rivelato molti dubbi in merito all'omosessualità accettata nell'ambiente rap:

Frank Ocean non è un rapper, ma è un cantante. Ora se tu sei gay è una cosa che è possibile e accettabile, se sei un cantante. Ma non sarai mai un rapper e non potrai mai rap, perché chi fa rap è uomo.

Dichiarazioni al centro di polemiche. Ma fortunatamente, proprio in queste ultime ore, ecco la notizia di un rapper – T-Pain – che ha voluto pubblicamente prendere le difese del suo assistente gay, al centro di bullismo omofobo virtuale.

Attenzione idioti omofobi: se non siete attraenti per le donne etero, probabilmente non siete attraenti per gli uomini gay. Potete rilassarvi, ora.

Infine ha aggiunto:

Solamente vedere un sacco di persone che guardano il mio assistente come dicessero: "Oh no meglio non fare così. Questo ragazzo vuole il mio c*lo”. Non essere un idiota. Sei ancora orrendo.

  • shares
  • Mail