Obama al NAACP: "Ci sono ancora tanti gay discriminati in Usa"

Obama at the Naacp Che Obama fosse vicino alle persone emerginate non è un mistero, a partire da incontri ufficiali fino alla proclamazione di giugno come mese dell'orgoglio omosessuale.

E durante un messaggio indirizzato al NAACP (National Association for the Advancement of Colored People), associazione che compie cent'anni, ha ribadito il suo impegno, cercando di sensibilizzare nuovamente tutti verso un argomento che gli sta a cuore:

"Non ci si può sbagliare, il dolore della discriminazione è ancora sentito in America. E' sentito dalle donne afroamericane che sono pagate meno per lo stesso lavoro degli uomini bianchi, dai latinos che si sentono non benvenuti, dai musulmani americani considerati con sospetto, dai nostri fratelli e sorelle gay"

E' sempre bello leggere queste notizie, di un Presidente che spesso e volentieri, senza esserne costretto dalle circostanze o da domande dirette e infuocate, ribadisce il proprio pensiero e punto di vista su un tema d'attualità che non vuole essere o diventare un taboo negli obiettivi politici. Di sicuro, noi italiani abbiamo ancora molto da imparare.

Foto | TheNewYorkTimes

  • shares
  • Mail