Cancellate le strisce rainbow a Sidney? Disegnate davanti a casa di Duncan Gay

Ecco la reazione dopo la decisione di cancellare le strisce rainbow a Sidney...

strisce-rainbow

Purtroppo non c'è stato il tanto sognato -e sperato- happy end. Vi ricordate? Ne avevamo parlato pochi giorni fa delle famose strisce rainbow a Sydney.

Erano state inaugurate a febbraio 2013, in occasione del "Sydney Gay and Lesbian Mardi Gras", e come zona scelta era stata designata Oxford Street, al centro della città, proprio per onorare i primi gay che, nel 1978, scesero in strada per manifestare a favore dei diritti Lgbt e furono picchiati dalla polizia.

Col passare delle settimane, si doveva arrivare ad una decisione: mantenere le strisce pedonali colorate oppure eliminarle? E a insistere per la cancellazione immediata era stato il ministro dei trasporti Duncan Gay che le aveva subito colpevolizzate di essere la causa di numerosi incidenti stradali e pedonali:

"Questo percorso pedonale è stato ideato per onorare il trentacinquesimo anniversario del primo gay pride di Sydney - ha dichiarato alla stampa locale Duncan Gay - Ma subito sono scattati i campanelli d’allarme perché in poche settimane si sono verificati diversi infortuni e ferimenti. In media almeno 15 incidenti al mese. Queste strisce pedonali sono diventati un alto rischio per i pedoni e i veicoli"

E' stato purtroppo inutile raccogliere una serie di firme per impedire che venissero eliminate. E così, dopo la loro sparizione, alcune persone hanno deciso di "ringraziare" a modo loro Duncan Gay. Come? Facendogli trovare le strisce... davanti alla sua abitazione

  • shares
  • Mail