Il Montana abroga la legge che punisce le relazioni omosessuali

Nonostante l’opposizione dei repubblicani, lo stato del Montana negli USA ha votato per abrogare gli articoli del Codice Penale che puniscono i rapporti omosessuali.

Il Montana abroga la legge che punisce le relazioni omosessuali

La Camera dei Rappresentanti del Montana, uno degli stati più conservatori degli Stati Uniti d’America, ha votato per abrogare formalmente la legge che ancora oggi punisce le relazioni omosessuali. In sessantacinque hanno votato per l’abrogazione mentre trentaquattro si sono espressi per mantenere in vigore la legge.

Gli articoli del Codice Penale dello stato del Montana prevedono ancora il carcere e multe salatissime per chi viene riconosciuto reo di omosessualità, anche se tali norme non vengono più applicate dal 1997 anno in cui la Corte Suprema dello Stato le ha dichiarate incostituzionali. Ma il problema rimane: gli articoli non sono applicabili però sono in vigore e fino a ora i politici si erano rifiutati di abrogarli. Basti pensare che nel 2010 il Partito Repubblicano del Montana aveva nel suo programma tale affermazione:

Sosteniamo la volontà del popolo del Montana chiaramente espressa nella legge di considerare illegali gli atti omosessuali.

Ultimamente le cose si sono mosse e un gruppo di parlamentari ha deciso di porre fine a questa situazione. Una notizia che possiamo inserire in quel cambiamento generale che sta attraversando alcuni settori del Partito Repubblicano statunitense in merito ai diritti umani a partire da quanto successo lo scorso novembre con il referendum che ha visto la vittoria del matrimonio ugualitario. Si è trattato di un vero e proprio “terremoto elettorale” che ha condotto i politici a porsi domande e a smetterla con la discriminazione matrimoniale.

Per quel che riguarda l’abrogazione degli articoli del Codice Penale, si attende che il Governatore dello Stato, il democratico Steve Bullock, firmi la riforma.

Via | Dos Manzanas
Foto | TUBS [CC-BY-SA-3.0], attraverso Wikimedia Commons

  • shares
  • Mail