Recrudescenze omofobe in Nepal dopo i cambiamenti politici

Quello che era stato il paese pioniere di tutta l’Asia nel riconoscimento dei diritti e delle libertà civili del collettivo lgbt, sta compiendo dei passi indietro a seguito dei cambiamenti politici.

Recrudescenze omofobe in Nepal dopo i cambiamenti politici

Era il 2007 quando la comunità internazionale e in particolare il collettivo LGBT di tutto il mondo guardava al Nepal come a un paese colmo di speranze. In quell’anno, infatti, la Corte Suprema nepalese approvò un amplio ventaglio di leggi per la protezione della comunità lgbt. Tutti quei passi in avanti fecero sì che il Nepal fosse in pole position per essere il primo paese asiatico nell’approvare le nozze gay.

Ma negli ultimi tempi il Nepal si è ritrovato in una grande crisi politica che ha prodotto un Governo troppo instabile per guidare saldamente il paese. E così l’omofobia è tornata a crescere in maniera esponenziale, trasformando il Nepal in un posto pericoloso.

In pratica, la polizia si è servita di accuse di corruzione per paralizzare le attività della Blue Diamons Society, l’organizzazione civile che porta avanti a lotta per i diritti lgbt in Nepal. Secondo Graeme Reid, direttore del programma per i diritti lgtb di Human Rights Watch, “la situazione in Nepal va deteriorandosi sempre più rapidamente”.

Il problema è così grave che anche Navanethem Pillay, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani, ha inviato una lettera al ministro delle Relazioni Esterne del Nepal, Madhav Prasad Ghimire:

L’impegno lodevole che il governo ha mostrato nella protezione dei diritti della comunità LGBT, contrasta in maniera lampante con le recenti segnalazioni di molestie e intimidazione verso le persone della comunità omosessuale da parte di alcuni membri della polizia nepalese e di altri funzionari pubblici. Ho ricevuto una serie di denunce nelle ultime settimane in merito alla etenzione e al trattamento degradante di una cinquantina di persone transessuali e di attivisti LGBT da parte della polizia. Ho anche saputo che la liberazione di queste persone è stata possibile solo dopo il pagamento di una cauzione.

Via | Universo Gay
Foto | By Rei-artur pt en Rei-artur blog [GFDL, CC-BY-SA-3.0 o CC-BY-SA-2.5-2.0-1.0], attraverso Wikimedia Commons

  • shares
  • Mail