Vacanze a Sitges? Tranquilli, c'è Gaylespol a proteggervi


State pensando di trascorrere le vostre ferie a Sitges, luogo di incontro meraviglioso per gli omosessuali e avete paura perché qualcuno vi ha raccontato di essere rimasto vittima di violenza? Fate pure il vostro viaggio, in tutta tranquillità, e una volta sul posto godetevi - con le opportune cautele - la vacanza tra le più frizzanti che si possano desiderare. A vegliare su di voi ci sarà la polizia, addestrata a identificare ogni malefatta contro di voi e a sopprimere ogni atto di omofobia. In questi giorni, la Gaylespol, l'associazione spagnola dei poliziotti gay e lesbiche ha avviato un corso di formazione sui rischi che corrono gli omosessuali che si recano nella cittadina catalana e su come evitarli. Nelle profumate sere di Sitges, tra i tanti turisti gay pare si mischino strani figuri che tra la folla commettono reati di rapina. Sono magari belli e seducenti e questo fa gioco al delinquente che, conquistata la fiducia del malcapitato, riesce a entrare in casa o in albergo e a depredare il gay che invece sogna una notte focosa che mai ci sarà. A riferire di questa ottima iniziativa, il giornale El Periodico.

Secondo quanto riportato dal capo della polizia di Sitges, Rosa Maria Gubianes, lo scorso anno sono stati segnalati alla polizia una dozzina di crimini verso gli omosessuali che spesso non denunciano gli episodi per paura di una pubblicità non gradita. Per non creare il panico e per dare al turista omosessuale tutta la tranquillità che merita, i funzionari locali di polizia, addestrati da Gaylespol, quest'anno vogliono azzerare gli atti delinquenziali contro i gay. Per questo ricordano a tutti che il Spagna, l'articolo 22 del codice penale considera un'aggravante il reato motivato da discriminazione razziale e omofobo. A informare le potenziali vittime omosessuali, una campagna di prevenzione con opuscoli in catalano, spagnolo e inglese che la polizia farà pervenire ai locali gay e agli alberghi di Sitges, dove ci saranno tutte le informazioni utili a segnalare furti e violenze e a come farsi aiutare, in tutta tranquillità e sicurezza, dalla polizia locale. «Il nostro obiettivo è quello di cercare di far sentire la polizia vicina ai cittadini omosessuali, senza ledere la loro privacy», ha spiegato un agente. Insomma, un po' come avviene da noi. O no?

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: