L'uomo per me


Parte il 29 agosto su FoxLife (il canale satellitare più friendly) un nuovo programma che gioca, ancora una volta, sull'ambiguità sessuale.

Il reality consiste in questo: una ragazza viene messa in un ranch con 10 ragazzi e lei deve scegliere il suo principe azzurro.
La metà di loro è in realtà formata da gay occulti. La ragazza deve essere così brava da riconoscere i gay e scartarli. Altrimenti perde tutto. E il montepremi se lo becca il gay che è stato così bravo da non farsi riconoscere.

Non siamo ancora convinti che un gioco che prevede di scartare dei gay sia ciò che si definisce friendly. Ma l'idea che gay ed etero non siano facilmente riconoscibili smonta i preconcetti su checche, femminielli e banalità del genere. Insomma, il programma potrebbe non piacerci. Tantopiù se pensiamo che è un format americano con protagonisti americani. Che di solito sono di una stupidità imbarazzante (ricordate Temptation Island?).

Paure fondate se guardiamo lo spot che circola in questi giorni su FoxLife, in cui la ragazza che cerca di dribblare e "sgamare" i gay pronuncia frasi come "Un gay non mi bacerebbe", "Un gay non può cercare amore per cui mi baserò sul romanticismo".

Se queste sono le basi, andiamo bene...

(Ps: ma c'è ancora gente che crede che i gay siano una specie di castrati con le donne, e che le lesbiche saltino addosso ad ogni donna in circolazione?).

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: