Michelle Demishevich, prima giornalista transessuale della tv turca

Si chiama Michelle Demishevich ed è la prima donna transessuale che lavora come giornalista in una televisione turca. È un esempio di coraggio e visibilità in un Paese in cui la vita delle persone lgbt, e in particolare delle donne transessuali, è piena di difficoltà.

Michelle Demishevich, prima giornalista transessuale della tv turca

Michelle, che ha scelto il suo nome dalla celebre canzone dei Beatles, ha studiato giornalismo e ha già lavorato come giornalista prima di intraprendere il cammino di transizione da uomo a donna. Ma quando nel 1999 iniziò questo percorso iniziano le difficoltà. In questo periodo ha lavorato nei night club, nella direzione artistica e in tutto quello che poteva servire. Nel frattempo il suo spirito da giornalista e da attivista non si è spento e l’ha portata a impegnarsi in politica e a essere una delle fondatrici di Yesiller ve Sol Gelecek Partisi, partito politico che unisce ecologisti e militanti di sinistra.

Alcune settimane fa, dopo aver partecipato come invitata in vari programmi, il canale turco IMC TV le ha offerto un posto da reporter. All’inizio Michelle Demishevich ha rifiutato l’offerta, ma, viste le insistenze dell’emittente televisiva, ha accettato.

I primi giorni, per sua stessa affermazione, sono stati difficili anche per via dell’atteggiamento da parte di alcuni colleghi. Ma lei non si è data per vinta ed è ferma nel non voler rinunciare:

Se vengo discriminata sul lavoro, la notte piango ma poi la mattina seguente torno sul posto di lavoro. Non mi importa. Ho già sofferto abbastanza per la mia identità. Se sono giunta a questo punto è per continuare a lottare. Nulla potrà fermarmi. Ho imparato a mettere da parte la paura.

E poi continua, spiegando la sua posizione:

Attivismo non è solo sfilare con bandiere per le strade. Il mio attivismo è anche lavorare come giornalista mentre le persone transessuali sono quasi sempre dipinte in maniera negativa proprio dai mezzi di comunicazione.

Via | Dos Manzanas

  • shares
  • Mail