Diciassette coppie etero, gay e lesbiche sposate simbolicamente a Bologna

E' risaputo che giugno è il mese simbolo per la comunità glbt, e non a caso quindi è un periodo di grande fermento. Sabato scorso mentre a Napoli si svolgeva il gay pride partenopeo, a Bologna è accaduto qualcosa di altrettando significativo e interessante. Su spinta del candidato sindaco della lista di sinistra Bologna Città Libera, Valerio Monteventi, 17 coppie (composte da cinque gay, due lesbiche e dieci eterosessuali) si sono unite simbolicamente nel pomeriggio a Bologna, in piazza dell'Unità, benedette dal candidato sindaco con fascia arcobaleno e con Eva Robin's come testimone.

Le coppie hanno deciso così di dare un segnale simbolico, firmando un registro delle coppie di fatto che sarà spedito, polemicamente, alla sede elettorale di Flavio Delbono, aspirante successore di Cofferati per il centrosinistra. La polemica con la tiepida politica del PD sui diritti civili degli omosessuali è fortissima, e queste "nozze" ne sono messaggio chiaro e diretto. Una società civile non può che apprezzare e capire, anche se c'è il rammarico di dover ricorrere a questi eventi simbolici per risvegliare l'interesse su certe tematiche che dovrebbero essere diritti già acquisiti.

Potete leggere tutta la rassegna stampa dell'evento qui. Ma grazie a Maurizio Cecconi (attivista e anche lui candidato nella lista di Monteventi) godetevi il video della giornata. E voi che dite? Organizzereste un evento simile nella vostra città?

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: