Giornata internazionale contro l'omofobia

Dall'omofobia si può guarire

Si celebra oggi la V Giornata internazionale contro l'omofobia. Per approfondire le motivazioni sul perché celebrare questa giornata, rimando a quanto scritto qui su Queerblog da Mario Cirrito Del perché serve la Giornata Internazionale contro l'omofobia.

Il Report omofobia Italia 2008-2009 di Arcigay – i cui dati prendono in esame esclusivamente le notizie apparse sui media e non hanno pertanto valore statistico ma solo quello di essere una sorta di fotografia della situazione – fornisce numeri preoccupanti: da gennaio 2008 a maggio 2009 in Italia ci sono stati 15 omicidi, 71 violenze ed aggressioni, 12 estorsioni, 7 atti di bullismo, 9 atti vandalici tutti a sfondo omofobico. Come sottolinea il Report, purtroppo in Italia

non esiste alcuna legge che riconosca un’aggravante specifica per i reati commessi in odio a persone omosessuali, bisessuali e transgender. È di conseguenza impossibile avere una rilevazione statistica attendibile.

Concludiamo riportando le parole del segretario generale del Consiglio d’Europa Terry Davis in occasione di questa giornata contro l'omofobia:

“Tutti sanno che gli omosessuali sono stati arrestati e inviati in campi di concentramento dai nazisti, ma è meno noto che dopo essere stati liberati dai campi di sterminio, molti omosessuali sono stati costretti a continuare le loro condizioni di detenzione. Questo può sembrare scioccante. Ed è altresì coerente con la discriminazione contro gli omosessuali nei decenni che seguirono. È inaccettabile che alcune persone in posizioni istituzionali o di autorità morale in Europa ancora si comportino come se la Convenzione europea sui diritti umani non si applicasse agli omosessuali. Le persone che discriminano spesso invocano la moralità per giustificare il loro atteggiamento. Essi toccano un punto importante, ma lo fanno in modo sbagliato. Non è che gli omosessuali sono immorali. Lo sono gli omofobi”

  • shares
  • Mail
12 commenti Aggiorna
Ordina: