E Ferdi del GF9 disse a Gay.it: "I gay sono uno sbaglio della natura"

ferdi grande fratelloE' vero che in un reality, i concorrenti sono costretti a viversi scannandosi o amandosi, finché eliminazione non li separa. Ferdi, il montenegrino vincitore del Grande Fratello 9, ha vissuto per quasi tre mesi con una lesbica dichiaratasi in televisione, Siria, ma ora si scopre che nulla gli ha insegnato quella forzata coabitazione.

In una intervista rilasciata a Gay.it, il ragazzo di origini Rom le spara molto grosse contro gli omosessuali, rasentando l'omofobia, quasi carezzandola dissacralmente e pigliando a prestito e a difesa la Bibbia: “Dio ha creato l'uomo e la donna”. E gli omosessuali? «I Gay sono uno sbaglio della natura». Risponde proprio così Ferdi; milioni di sbagli della natura, che finora usavamo per indicarci con con l'acronimo GLBT, contro il resto del genere umano che si ritiene, a detta di Ferdi, perfetto prototipo della normalità.

Del perché è normalità, Ferdi ha la sua bislacca verità: «Se fossimo tutti gay non ci sarebbe più la procreazione». Sicuro, giovin ragazzo? E le coppie lesbiche che procreano anche attraverso la “procreazione assistita? O i gay che fanno figli, pur restando gay? Conosce Ferdi le Famiglie Arcobaleno? Da noi, in Italia, sono qualche centinaio, ma nel mondo le cifre si fanno a 5 se non a 6 zeri. Esistono fior di famiglie con prole; famiglie omosessuali, altrimenti non si capisce perché gli Stati democratici (fatta eccezione per l'Italia), si siano prodigati a dare diritti a queste famiglie, ancor prima che agli individui GLBT. E per favore, Ferdi, lascia perdere Dio che ha altro da fare, e molto più importante, che sentire le tue nefaste elucubrazioni. E noi che tifavamo per questo ragazzo, per le sofferenze patite durante la sua esistenza, per quello che quelle sofferenze avrebbero dovuto insegnargli nella tolleranza, nel rispetto verso altri generi di vita e di persone.

Da credente dovrebbe imparare che non esiste un Dio eterosessuale, che sbaglia persino a creare le persone e anche alcuni animali e persino vegetali che rivelano tendenze affettive e amatoriali verso lo stesso sesso. La Chiesa gli insegna che esiste un Dio, uno e Trino e la natura sbaglia solo quando noi umani riusciamo a modificarla con i nostri pessimi sortilegi. La sofferenza patita da Ferdi, ora smorzata da una felice vincita televisiva, è la stessa che hanno vissuto e stanno vivendo tanti omosessuali a causa della loro condizione, in famiglia, tra gli amici, nei posti di lavoro, in società. Lo pensavamo vicino anche per questo, ma ci siamo sbagliati.

Nell'intervista, Ferdi, dice che la conoscenza di Siria «é stata una grande occasione di crescita. Lei mi ha aiutato a capire molte cose». Cosa Ferdi? Che noi omosessuali siamo sbagliati e tu, eterosessuale, giusto tra i giusti?

Il ragazzetto è meglio si dia ai fasti dei fornelli, se per lui la perfezione umana sta solamente nell'uomo e nella donna e subito dopo, restituirci la sua completa confusione: «No, cioé sì: Comunque il discorso è troppo complicato». Se è così complicato, il silenzio e il rispetto dovrebbero essere la saggia conseguenza. Peccato, Ferdi, peccato, perché molti di noi pensavano e pensano che l'aiuto dei personaggi famosi verso i diritti omosessuali, è un aiuto che potrebbe essere lodevole e sempre più necessario in un Paese come il nostro dove i legislatori non riescono a pensare che i diritti sono diritti di tutti e non possono appartenere ad una sola categoria. Loro, almeno, i legislatori, devono rendere conto, a fini elettorali, ad una certa gerarchia ecclesiastica contraria a qualsiasi apertura verso la società GLBT; ma uno che è rimasto dentro una casa televisiva, che vince e diventa celebre, che scopo può avere a indicarci come "sbagliati"?

Se un nuovo pupillo delle masse televisive, dichiara ad un sito gay che gli omosessuali sono contro natura e, addirittura, contro Dio, “perché non c'è possibilità di procreare”, quel ragazzo non solo non conosce un amore divino universale, ma diventa fastidiosamente omofobo, crea le condizioni per nuovi disprezzi verso le persone omosessuali, li indica al ludibrio generale.

Potevamo alzare le spalle, fregarcene di quelle dichiarazioni. Purtroppo da noi è sempre il doppio ad agire: la politica e le nuove celebrità. Se le prime fanno discutere i movimenti GLBT nostrani; le dichiarazioni dei secondi attecchiscono verso le masse e spesso diventano più pericolose delle dichiarazioni omofobe di certa politica. Ferdi, in questo caso, ha dato una mano a chi disprezza l'omosessualità e forse ha creato più paura in un suo coetaneo omosessuale che non ha il coraggio di vivere la sua vita con quella tranquillità che molti di noi sono riusciti a costruirsi, dopo sofferenze e magari, qualche violenza. Senza dimenticare che quella vita spetta di diritto a tutti, anche a coloro che per alcuni sono "uno sbaglio della natura".

  • shares
  • Mail
72 commenti Aggiorna
Ordina: