Elezioni europee: riassunto (parziale) dei candidati glbt

L'Ilga ce lo ha ricordato attraverso una campagna: popolo glbt andare a votare alle Elezioni Europee è importante. E allora, per rispondere a quanti ci hanno chiesto e si stanno chiedendo cosa dovremmo fare e su chi puntare per vedere rappresentati i nostri diritti, abbiamo pensato di farvi un prospetto/riassunto (per ora parziale) di quali candidati gay oriented ci sono finora alle elezioni del 6/7 giugno prossimi.

Di Gianni Vattimo, gay dichiarato, che si presenta con l'Italia dei Valori vi abbiamo già detto . Ecco le novità: Imma Battaglia, attivista del movimento glbt e presidente del Dì Gay Project (l'associazione che ha dato vita al Gay Village di Roma), si presenta come capolista al sud di Sinistra e Libertà insieme a Nichi Vendola. Il suo slogan è: una Sinistra modello Zapatero. Questa candidatura ha già smosso non poche polemiche, viste le prese di posizione degli ultimi anni della Battaglia che non sono sembrate molto di sinistra: il suo "Basta ai gay pride" di due anni fa è suonato alquanto strano dato che fu lei a ideare il World Pride del 2000 e che ai pride è sempre stata in prima fila (vedi foto).

Visto il successo di Vladimir Luxuria, la sinistra insiste col candidato transessuale: infatti nella lista di Rifondazione-Comunisti Italiani c’è Loredana Rossi (all’anagrafe Amedeo) impegnata come operatrice della Cooperativa Dedalus di Napoli nel progetto “La gatta” contro lo sfruttamento della prostituzione.

Non mancheremo di aggiornarvi ulteriormente sui candidati glbt alle Europee. Intanto, dopo il salto, ecco il video della presentazione di Imma Battaglia. Naturalmente vogliamo sapere voi cosa ne pensate.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: