Diciottenne gay autistico bruciato vivo con l'olio abbronzante

Terribile storia dall'Inghilterra: un ragazzo autistico gay bruciato vivo ad una festa

omofobia

Una storia terribile di omofobia e follia arriva da Sheffield, in Inghilterra.

La vittima si chiamava Steven Simpson, aveva diciott'anni, soffriva di autismo ed era dichiaratamente gay. Non aveva mai nascosto la sua omosessualità e spesso ci rideva sopra, ironizzava per primo. La sera della tragedia -raccontano i presenti alla festa- aveva accettato anche di farsi scrivere delle frasi omofobe sul corpo. Così raccontano. Così risulta, non potendo Steven più rivelare alcun dettaglio sull'accaduto.

Il dramma è avvenuto quando Jordan Sheard, anche lui presente al party, ha cosparso il suo inguine di olio abbronzante. Il ricordo della scena genera shock anche a chi è stato testimone della vicenda, come racconta uno dei presenti nel ripercorrere mentalmente l'azione di Jordan

"nessuno pensava che avrebbe poi acceso l’accendino, anzi a Steve piaceva anche"

Nonostante l'intervento dei ragazzi, con oltre il 60% del corpo ustionato, il giovane è poi morto in ospedale. Arrestato il colpevole che, in un tentativo di non essere accusato, ha dichiarato inutilmente:

"E’ stato lui a darsi fuoco da solo"

Via | Blitz Quotidiano

  • shares
  • Mail