E Alemanno disse: niente patrocinio al Gay Pride

Logo del Roma Pride 2009Questa mattina il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, a margine di un evento culturale ha detto che l'amministrazione comunale non darà il patrocinio al Gay Pride del 13 giugno prossimo:

Non daremo il patrocinio al Gay Pride così come non l’abbiamo dato l’anno scorso perché lo consideriamo una manifestazione di tendenza. Ci sono molte richieste specifiche che possono essere condivise o non condivise. Faremo il possibile perché si svolga in maniera tranquilla con tutto il supporto dei servizi comunali come per tutte le manifestazioni.

È sceso, poi, nello specifico per illustrare le motivazioni di tale diniego:

Il patrocinio va dato quando non si tratta di manifestazioni di tendenza ma che danno voce a tutte le idee e i punti di vista e nel caso del Gay Pride non è così.

Il sindaco di Roma, così, si accoda alle dichiarazioni di Mara Carfagna che, per quel che riguarda il Pride nazionale di Genova di quest'anno, poco meno di un mese fa ha messo le mani avanti:

Non posso concedere l’appoggio del mio ministero, e quindi del governo, a una manifestazione dove si urlano volgarità e insulti contro il Papa, il capo dello Stato, il presidente del Consiglio, e si chiede l’equiparazione delle loro unioni al matrimonio.

Nei secoli dei secoli. Amen.

  • shares
  • Mail
26 commenti Aggiorna
Ordina: