La nuova Costituzione dello Zimbabwe vieterà le nozze gay

Morgan Tsvangirai

Il governo dello Zimbabwe ha reso noti nuovi dettagli sui temi che entreranno nella prossima Costituzione del paese. Tra questi figura l’omofobia. Morgan Tsvangirai, primo ministro, infatti, ha detto che il matrimonio tra persone dello stesso sesso sarà vietato nella Costituzione dello Zimbabwe. Il primo ministro si è mostrato contrario alle relazioni omosessuali, sostenendo che le coppie eterosessuali devono essere le uniche ad avere la possibilità di unirsi in matrimonio. Tsvangirai ha affermato:

La nuova Costituzione stabilirà che il matrimonio è tra un uomo e una donna. Quanti vogliono sposarsi con una persona del loro stesso sesso hanno un problema. Perché vogliono andare a letto con un altro uomo?

A giudicare dalle sue parole, il primo ministro ritiene che l’omosessualità sia qualcosa che riguardi solo gli uomini e non le donne e che tutto si riduca alla questione “chi fa sesso con chi”.

Anche recentemente Tsvangirai ha condannato l’omosessualità durante un evento pubblico e ribadendo che l’unico matrimonio che si possa prendere in considerazione è quello eterosessuale. Eppure nel 2011 Morgan Tsvangirai sosteneva di voler difendere la diversità sessuale e di volerlo fare proprio inserendo degli articoli specifici nella nuova Costituzione del paese. Però poi ha specificato che lui è sempre stato contrario ai cosiddetti diritti gay in quanto cristiano metodista, padre, nonno, uomo di famiglia e cittadino dello Zimbabwe. Non vuole giudicare nessuno, sostiene, ma le cose stanno così.

Via | Towleroad
Foto | Getty

  • shares
  • Mail