Usa: John Kerry chiede l'asilo per una coppia gay

Il senatore americano John Kerry, candidato democratico alle elezioni del 2004, si è schierato a favore di una coppia gay che sta lottando contro le regole Usa sull'immigrazione e ha lanciato un appello al presidente Obama.

Nel 2005 Tim Coco, un cittadino americano 47enne del Massachusetts, ha sposato Genesio "Junior" Oliveira, un brasiliano che fuggiva dal suo paese dove era perseguitato a causa del proprio orientamento sessuale. Sin dal 2002 Oliveira aveva chiesto asilo politico negli Stati Uniti, ma nel 2007 la sua richiesta è stata respinta e lui ha dovuto lasciare il paese, nonostante fosse sposato con un cittadino americano.

Il Massachusetts, infatti, riconosce e celebra i matrimoni fra persone dello stesso sesso, ma le leggi sull'immigrazione sono federali e a livello federale il matrimonio è solo l'unione fra un uomo e una donna, come stabilisce il Defense of marriage act (Doma), legge approvata sotto la presidenza Clinton. Per questo motivo un matrimonio gay non ha nessun valore ai fini della cittadinanza americana.

Il paradosso, quindi, è che Tim e Genesio sono sposati legalmente, ma sono costretti a vivere separati. Che c'entra in tutto questo John Kerry? Come senatore del Massachusetts, Kerry ha chiesto ufficialmente all'amministrazione Obama di adoperarsi per far ottenere a Genesio il diritto d'asilo; alcuni commentatori liberal, però, contestano Kerry perché a loro avviso qui non si tratta di diritto d'asilo, bensì di riconoscimento del matrimonio. E Kerry farebbe bene a impegnarsi per l'abrogazione del Doma.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: