Scuola: quando l'omofobia viene da una prof

Siamo abituati da tempo a sentire episodi di omofobia, di rancore anti-gay nelle scuole, anche in quelle italiane. Molto più grave e preoccupante, però, che i giudizi e pregiudizi omofobici arrivino da un insegnante. È ciò che è successo - stando a quanto denunciano alcuni studenti - in un istituto tecnico di Roma, l'Itis Armellini nel quartiere San Paolo-Ostiense.

La professoressa incriminata respinge le accuse e sostiene un'altra versione dei fatti e parole diverse, ma secondo Arcigay Roma che ha raccolto le denunce attraverso il numero verde di Gay Help line (800 713 713), diverse ragazze e ragazzi hanno segnalato lo stesso episodio.

L'insegnante avrebbe detto che "....gli omosessuali sono persone che non condivido, e se mi capitasse di incontrarne ne starei bene alla larga, certe persone devono essere evitate.....". La professoressa, che è stata convocata dal preside, nega tutto e sostiene che non ha mai detto quelle parole né le direbbe "anche se le pensasse". Stiamo freschi.

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: