Milano: una rassegna ripropone il cult gay Cruising


Il film di William Friedkin Cruising (Usa, 1980) ha avuto una vicenda molto particolare. Quando uscì nei cinema fu massacrato dai critici e anche dalla comunità omosessuale, che accusava la pellicola di rappresentare il mondo gay come una realtà di sesso e violenza, alimentando anche l'omofobia e le associazioni mentali negative nei confronti dei gay.

Nella pellicola Al Pacino è un detective che si infiltra nei bar e nelle discoteche gay per scoprire un presunto serial killer che sta uccidendo i maschi gay di New York; man mano che si immerge nella sua copertura, però, sente emergere pulsioni che non pensava di avere.

Anni dopo, il film è stato recuperato - anche dalla critica gay - come documento storico di un'epoca oscura e come primo passo verso una rappresentazione nuova del mondo gay da parte degli studios di Hollywood. In ogni caso, per chi abita a Milano c'è l'opportunità di rivedere questa pellicola, in versione director's cut, e magari farsi un'idea autonoma all'interno di una piccola rassegna organizzata da Giampiero Raganelli per l'associazione culturale La Scheggia.

Appuntamento per il 26 marzo alle 21:30.
IL CINEMA DI WILLIAM FRIEDKIN
Ingresso: 2 euro (con tessera associativa)
Sede Proiezioni: Associazione Culturale La Scheggia - Via Dolomiti 11 - 20127 Milano (MM1 Turro)

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: