Hillary: l'America combatterà le discriminazioni anti-gay

La nuova amministrazione americana segnerà un cambio di rotta rispetto agli otto anni di Bush, anche per quanto riguarda la promozione dei diritti per le persone lgbt; e i primi segnali sono già arrivati nella lotta all'hiv. Parola del segretario di Stato Hillary Clinton, che durante la sua visita al Parlamento europeo ha risposto a una domanda sul tema.

Durante l'incontro con i giovani europei, infatti, la Clinton è stata attratta dalla maglietta ‘I love Hillary’ che indossava un giovane moldavo, Maxim Anmeghichean, membro dell'associazione Ilga-Europe. Alla domanda su quello che farà l'amministrazione democratica nel campo dei diritti sessuali e delle questioni lgbt, Hillary ha condannato la discriminazione contro gay e lesbiche, lamentando che purtroppo questa esista ancora e che sia persino protetta dagli stati.

Poi è andata oltre e ha detto che affrontare l'argomento sarà una delle priorità per l'amministrazione e che sono già cominciati alcuni cambiamenti nella politica di prevenzione dell'Hiv. La conclusione è stata un augurio, di poter vedere con i proprio occhi il giorno in cui sarà abolita ogni discriminazione, compresa quella basata su chi si ama.

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: