Anche Vattimo all'attacco dei Ds: neodemocristiani

Le parole improvvide di Fassino sulle adozioni da parte di coppie omosessuali hanno aperto (finalmente, dico io) una vera requisitoria contro i Ds, che hanno rinunciato anche alla parvenza di essere sinistra in nome di un'alleanza strategica (?) con i neoclericali della Margherita.

Prima il segretario di Arcigay Aurelio Mancuso ha buttato via dopo 25 anni la tessera del partito e a nulla sono valse le precisazioni di Piero Fassino:

non accetteremo veti fondati sul pregiudizio e la discriminazione e cercheremo di costruire in Parlamento le condizioni perché quella legge (sulle coppie di fatto, ndr) possa essere approvata con il più ampio consenso

Adesso anche un intellettuale storico della sinistra, Gianni Vattimo, esprime tutta la sua delusione per la piega che ha preso il più grande partito della sinistra, ormai ridotto a rassicurare quotidianamente le gerarchie vaticane e disinteressato delle vite di donne e uomini reali. Con una profezia che, temo, si realizzerà:

«Vedrà che i Pacs finiranno per non avere alcun contenuto pratico, alcun beneficio concreto in relazione ad eredità, pensioni, contratti. Tutto ciò necessariamente implica una certa ufficializzazione delle coppie di fatto. Ma senza questi benefici concreti i Pacs sono soltanto la libertà di andare a letto con chi si vuole. Questa libertà c'è già».

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: