A.A.A. Cercasi mago della finanza gay

Business administration gay-friendly?

Molto di più. Secondo quello che si legge su Business Week, non solo essere lesbica, gay o trans non è più un ostacolo in alcune realtà lavorative, ma addirittura certi settori - compresi quelli che un tempo erano santuari dell'eterosessualità, come la finanza - sono a caccia di talenti e futuri manager con un orientamento sessuale minoritario. Proprio perché l'essere gay o lesbiche, e questo lo sappiamo tutti, aiuta a "pensare differente" e a mettersi con più facilità nei panni degli altri.

Uno degli indici di questo cambiamento per molto società è il gran numero di partecipanti, da parte delle aziende, a un evento come Lgbt Mba student conference, che raduna centinaia di neo-laureati americani (ma anche europei e asiatici).

Gli studenti vanno lì a farsi conoscere e a scoprire le opportunità delle aziende; le imprese vanno a caccia di nuovi lavoratori a "valore aggiunto".

Dal 13 al 15 ottobre, a New York, è in programma la nona edizione. Le iscrizioni sono ancora aperte.

  • shares
  • Mail