Africa, Vaticano e paesi musulmani contro l'omosessualità

La Santa Sede.Ieri all'ONU c'è stata una unione di fatto tra paesi africani (guidati dal Sud Africa), musulmani (tra cui Iran, Arabia Saudita e Indonesia) e Vaticano che, in gruppo, si sono fortemente opposti ad un riferimento all'orientamento sessuale nella dichiarazione finale, che da diversi mesi è in elaborazione, che sarà presentata in occasione della riunione in programma a Ginevra dal 20 al 24 aprile prossimi, detta Durban II perché volta a dare un seguito concreto alla conferenza dedicata al razzismo che si svolse in Sud Africa nel 2001 e che si concluse tra polemiche per alcune dichiarazioni considerate antisemite. La frase incriminata è quella in cui si esprime la necessità di

"condannare tutte le forme di discriminazione e tutte le forme di violazione dei diritti fondate sull'orientamento sessuale".

Diametralmente opposti a loro i Paesi occidentali, con in prima fila gli Stati Uniti e il Sud America.

  • shares
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina: