I gay americani protestano contro il divieto di sposarsi

Manifestazioni dei gay e delle lesbiche in tutti gli Stati Uniti per ottenere il diritto di sposarsi anche lì dove finora è stato negato. Per adesso, infatti, i matrimoni a pieno titolo sono possibili solo in Massachusetts e in Connecticut, mentre New York riconosce le nozze celebrate negli altri stati.

Per il resto ci sono solo leggi sulle unioni civili, come in Vermont (il primo stato a introdurle, che si prepara a passare al matrimonio), New Jersey e Oregon; oltre a svariate norme minori sulle unioni domestiche registrate, un po' come i Pacs.

Centinaia di coppie omosessuali hanno protestato su e giù per gli Stati Uniti per il diritto di sposarsi, nell'ambito dell'annuale settimana per la libertà di matrimonio, indetta dalle associazioni per i diritti civili, che quest'anno assume particolare rilevanza dopo il voto sulla cosiddetta 'Proposition 8', il referendum che a novembre in California ha cancellato le nozze omosessuali, introdotte a luglio dalla Corte Suprema dello stato. A New York decine di coppie stesso-sesso si sono rivolte agli uffici comunali chiedendo la licenza di matrimonio, che gli è stata ovviamente negata.

  • shares
  • Mail