Eurispes: sì degli italiani ai diritti per le coppie gay

Sorpresa! Gli italiani sono molto più avanti della loro classe dirigente e ormai, nel 2009, hanno superato in gran parte i vecchi tabù. Ce lo rivela l'istituto Eurispes nel suo Rapporto Italia 2009.

Se in Parlamento è fantascienza immaginare che possa essere approvata qualsivoglia legge sulle unioni civili fra persone dello stesso sesso (unioni civili, partnership registrata, Pacs, Cus, Dico, Didoré), nella società la maggioranza è favorevole a un riconoscimento pubblico per due uomini o due donne che vivono insieme uniti da un legame affettivo.

Secondo il rapporto, il 58,9% degli italiani si dichiara favorevole a una forma di riconoscimento giuridico delle unioni omosessuali. Rispetto all'indagine analoga fatta nel 2003 i favorevoli sono quasi otto punti percentuali in più. Ma non basta: "La maggioranza degli italiani (52,5%) afferma di considerare l'omosessualità una forma di amore come l'eterosessualità", e meno di un italiano su 10 (solo il 9,3%) la considera immorale. Nonostante la chiesa cattolica.

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: