Produrre porno gay e farlo da protagonisti

Jake CruiseParliamo di un tema delicato. Ma sappiamo che qui su Queerblog le vedute non sono così strette. L'ispirazione viene da un conosciuto sito porno piuttosto noto, Mikehancock, non il primo e non l'ultimo dove chi realizza dal punto di vista registico e dal punto di vista dei casting il materiale pornografico gay, si mette in gioco in prima linea "regalando" i suoi servigi (orali e anali) ai modelli scelti.

Un po' quello che succede anche nell'ancora più conosciuto sito Jake Cruise, che periodicamente propone lo stesso tipo di video. L'idea che un non modello (per fisicità o per età troppo avanzata o per qualsiasi altro motivo) possa diventare protagonista in prima linea di un video, mettendoci i soldi e la faccia (e non solo) porta a fare cattivissimi pensieri. Sarebbe un po' (andiamo per immagini laterali) come andare con un escort, guadagnando soldi dal pubblico che vede l'azione. Carino no?

La mia opinione in merito non è esattamente questa, ma è certamente questa la percezione che in qualche modo si vuole creare nello spettatore. "Guarda cosa riesco a ottenere io grazie al mio sito", sembrano suggerire. E voi, lo fareste? Creereste una casa di produzione per poter "arrivare" a ragazzi normalmente inavvicinabili attraverso l'alchimia di questi elementi? A voi l'opinione e il giudizio.

  • shares
  • Mail
12 commenti Aggiorna
Ordina: