Il quotidiano Liberazione rischia una svolta omofoba

Minaccia omofobica per Liberazione. Negli ultimi anni il quotidiano di Rifondazione comunista, diretto da Piero Sansonetti, è stato una delle poche voci apertamente schierate a sostegno dei diritti delle persone lgbt, sia quando ha cominciato a far scrivere Vladimir Luxuria - prima ancora che diventasse deputata - sia con Rina Gagliardi e altri editorialisti. Sempre più giornale autonomo, sempre meno voce del partito.

Adesso la nuova linea di Rifondazione - con le minoranze che si sono riunite per bocciare Nichi Vendola e promuovere segretario Ferrero - prevede anche un cambio alla guida del quotidiano, per cui il partito deve ripianare un forte debito. In cambio si prevede l'arrivo dell'editore Luca Bonaccorsi, già proprietario di Left, il vecchio settimanale Avvenimenti.

Bonaccorsi, però, è un "fagiolino", cioè (per i tanti che non lo sapessero) un seguace dello psicanalista e guru Massimo Fagioli, noto a Roma per la sua libreria Amore e Psiche.

È proprio questo il punto dolente: Fagioli ha delle idee tutte sue sul sesso, sul ruolo della donna e soprattutto sull'omosessualità, al punto da lanciare invettive pesanti contro Nichi Vendola, quando era candidato alla guida di Rifondazione. Al punto che anche Bertinotti, che per aveva subito per un certo periodo il fascino di Fagioli, ha chiarito di non sostenere lo psicanalista romano.

Per capire chi è Fagioli, comunque, e come la pensa basta leggere il suo ultimo intervento ai microfoni dell'agenzia Agi.

"Dicono che sono omofobo: ma cos'è l'omofobia? Fobia, ma di che? È una nevrosi? Oppure è un'invidia? Non si capisce cosa intendano per omofobia: per me, invece, l'omosessualità non è identità ed il rapporto tra uguali mi puzza di nazismo. Posso avere su questo argomento le mie idee? Per me il desiderio è solo nel rapporto uomo-donna, ossia tra diversi e uguali: uguali perché tutti gli esseri umani lo sono per la nascita, diversi perché ognuno ha la sua identità".

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: