Jadin Bell, quindicenne gay si suicida per bullismo

Jadin-Bell

Un altro caso di suicidio di un adolescente collegato all'omofobia ha scosso l'America e il mondo intero. Lui si chiama Jadin Bell ed è un altro esempio evidente di come la discriminazione, al giorno d'oggi, rischi di essere ancora più amplificata per colpa del web.

Il ragazzo stava frequentando il secondo anno della scuola superiore ed era spesso vessato dai suoi compagni di classe. Probabilmente il continuo bullismo non è stato più tollerato e sopportato.

Il tutto è accaduto a La Grande, in Oregon. Un giorno, Jadin non ha più retto queste pressioni e ha deciso di togliersi la vita, impiccandosi in una struttura nel cortile interno dell'istituto.

Il giorno successivo alla tragedia, circa 200 persone hanno organizzato una veglia in suo onore. Descritto da chi lo conosceva come un giovane sensibile e divertente. Ma era vittima di continue vessazioni dai parte di alcuni compagni di scuola e anche sul web.

Una persona molto vicina alla famiglia del ragazzo ha confermato il bullismo di cui era vittima

"Era diverso e loro tendono a prendersela con le persone diverse"

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: