Versi inVersi. Pensieri e parole intorno all'arcobaleno

Versi inVersiIl concorso letterario Versi inVersi – Pensieri e parole intorno all’arcobaleno – organizzato dall’Arcigay Orlando di Brescia e con il Patrocinio della Regione Lombardia e Comune di Brescia – si è proposto di stimolare la produzione di testi in cui la fantasia e la creatività andassero contro le ipocrisie e la paura, nel rispetto e nella valorizzazione delle differenze per dire un “no” forte e chiaro all’omofobia.

Nei giorni scorsi ha avuto luogo la premiazione dei vincitori, preceduta da un omaggio a Umberto Saba, mettendone in luce la sofferta sessualità – omo o bisex che fosse – come si evince dai suoi scritti.

La giuria, presieduta da Delia Vaccarello, ha premiato diversi autori, suddivisi in quattro sezioni (poesia a tema libero, poesia a tematica glbt, racconti a tema libero e racconti a tema gay). Infatti, la peculiarità di questo concorso risiedeva proprio nel far coesistere testi “gay” e testi a tema libero, al fine di costituire un tutto omogeneo “intorno all’arcobaleno”.

Tra i vincitori delle poesie anche Rosario Capaldo (scrittore gay che abbiamo intervistato qui), che ci ha spiegato le motivazioni della sua partecipazione al concorso:

“La molla che mi ha spinto ad iscrivermi è stata quella che l'idea di un concorso letterario che promuova innovativamente tematiche glbt sia stata partorita proprio nella mia città [Brescia]”

I testi vincitori sono stati pubblicati in un libro dalla casa editrice Il dito e la luna (euro 8,00). Potrebbero essere una buona lettura per iniziare serenamente il nuovo anno.

  • shares
  • Mail