Liberati i gay arrestati in Senegal


Erano stati arrestati al loro ritorno in Africa dopo essersi sposati in Belgio,. Richard e Moustapha, coppia belga-senegalese di 63 e 61 anni, sono stati liberati alla fine dello scorso mese ed hanno fatto momentaneo ritorno a Bruxelles dove hanno cercato di riprendersi dai quasi quattro mesi di dura prigionia.

I due, additati come criminali, dopo un processo sommario, erano stati condannati a due anni di carcere con l'accusa di omosessualità. In condizioni precarie e lasciati a lungo senza cibo avevano ottenuto, tramite gli avvocati, prima un trasferimento in una struttura che potesse garantire delle migliori condizioni di detenzione e, più tardi, l'intervento di diverse organizzazioni umanitarie e dell'ambasciata belga che ne hanno facilitato la liberazione il 24 novembre, prima della visita, prevista per il 6 dicembre, di Matilde, la moglie dell'erede al trono dl paese nord europeo.

"Appena liberi abbiamo chiamato amici e parenti e abbiamo finalmente mangiato un pasto decente. L'ambasciata ci aveva prenotato anche due stanze in un albergo, ma io l'ho fatta cambiare in una sola. Io e Tapha avevamo molte cose da discutere"

è quanto dichiarato da Richard, attualmente ancora a Bruxelles ma pronto a tornare in Senegal dove, dopo una parteza anticipata, lo aspetta il suo compagno e, stavolta ci auguriamo, un'accoglienza un po' più calorosa.

  • shares
  • Mail