La destra in piazza contro la finanziaria e contro Luxuria

Tra gli slogan urlati o scritti su cartelli, striscioni, manifesti e magliette dai manifestanti di destra ritrovatisi in piazza oggi a Roma per manifestare contro la legge finanziaria e il governo Prodi, ci colpiscono gli attacchi rivolti alla presenza di Vladimir Luxuria in Parlamento. Esternazioni che sanno di bassezza politica e esprimono omofobia, transfobia, ignoranza e pregiudizio.

I militanti di Azione giovani dell' università Romatre scrivono: "Luxuria pisciati addosso".

I forzisti di Bari firmano: "No Prodi, no frodi, no froci".

Sostenitori di An mostrano la loro classe con questa frase: "Prodi boia, Luxuria è la tua troia".

E poi ancora: "Governo Prodi: soviet, trans, ex Dc, no global, islamici e brigatisti".

Sempre repubblica.it snocciola altri esempi di provocazioni e offese nel corso della manifestazione:

i cartelli con "Camera con cesso" che raffiguravano un Prodi a forma di water e con i nomi di Franco Grillini, Titti De Simone e Vladimir Luxuria risucchiati. E quelle parodie dei Gay Pride con le nuove leve di Fi, An e Lega a sfilare travestiti da spose, per dimostrare contro i matrimoni omosessuali.

  • shares
  • Mail
29 commenti Aggiorna
Ordina: