Tiziano Ferro parla di amore gay a Le Invasioni Barbariche

Tiziano-Ferro

Alle 23,15 Tiziano Ferro è entrato in studio alle Invasioni Barbariche, ospite di Daria Bignardi. Dopo i tre cuochi direttamente da Masterchef, il cantante di Latina è tornato per rispondere alle domande della conduttrice e per presentare il suo nuovo singolo, "La fine", di cui vi hanno parlato proprio ieri su Soundsblog.

Ed ecco, dopo il salto, alcuni passaggi interessanti e le dichiarazioni più curiose di Tiziano, sempre amatissimo sul nostro blog da voi lettori, soprattutto sull'amore gay e sulle delusioni recenti.

L'amore

Non credo nella sfiga, non parlo di sfiga. È un anno però iniziato strano, con mio nonno che è venuto a mancare. Per alcuni motivi diversi sono andato in ospedale... Preferirei non parlarne dei motivi per cui sono stato in ospedale. Non ho più sentito il mio ex ragazzo... L'amore è una cosa semplice perché semplicemente inizia e poi finisce. Se si sta male in uno non si sta bene più in due. Sull'unione nasce la comunione di intenti, sulla disgrega ne basta uno dei due. Non esiste mai la maniera con cui essere lasciati bene o con poco dolore. Penso che esistano dei modi più dignitosi, se però qualcuno vuole passare da un periodo ad un altro opposto, ci sta... Anche se era la prima volta in cui mi ero innamorato. L'omosessualità è sempre amore, amore vero, ti consuma completamente come ti da, nel bene e nel male. Penso che sia finita perché in fondo, in fondo, non sono stato in grado di dare a lui la sicurezza necessaria per andare oltre e combattere. Chi ti sta accanto a volte perde la voglia di lottare per le cose che nemmeno tu riesci a cambiare. La differenza tra me e te cambia proprio di questo rapporto. E io non vedo l'ora di innamorarmi nuovamente. Se c'è una cosa che questa esperienza mi ha lasciato è quanto meraviglioso è quello che mi è successo. Anche quando, nei suoi meccanismi se ne va.

Matrimoni gay

Non voglio più isolarmi e avere paura di stare male. Non voglio andare in Spagna a sposarmi. O lo potrò fare qua o non lo farò, anche se rispetto e capisco chi vuole andare a farlo all'estero. Io la possibilità e la scelta di potersi sposare o meno in Italia la lascerei all'individuo. A me piacerebbe vivere in un mondo in cui ci potesse essere la scelta anche se io non l'ho immaginato nemmeno nel momento, per me, in cui lo amo... amavo.

Il tipo ideale?

Fabio Fazio? Ma, Fabietto... zitto zitto! Corrado Formigli, mi manca andrò a fare stalking su Facebook. Gad Lerner... genere Daddy no... Un Robbie Williams no eh?! A parte scherzi, non ho un tipo ideale.

Grindr

Io non ce l'ho perché ho un cellulare vecchissimo ma so che è un'applicazione che ti permette di vedere chi è intorno a te per cercare un partner che sia per ora... o per sempre. Accendi il tuo smartphone e ti dice: "A cinque metri..." tra chi si è iscritto. Trovo molto evolute queste cose, perchè significa che c'è molta più serenità, voglia di leggerezza, mi piace molto questa cosa.

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: