Io non ci sto, la campagna del Telefono amico gay e lesbico

Io non ci sto, la campagna del Telefono amico gay e lesbicoÈ partita ieri la nuova campagna informativa del Telefono gay e lesbico del Cassero, con lo stilista bolognese Gaetano Navarra come primo testimonial.

In funzione dal 1992, il telefono amico gay e lesbico permette anche di accedere a servizi di consulenza individuale gratuita e lavora in rete con gli altri servizi del circolo, dallo sportello legale a quello sanitario. Inoltre, il Telefono amico gay e lesbico può rappresentare una prima importante porta di accesso alla socializzazione LGBT.

Lo slogan della campagna è Io non ci sto e l’idea è quella di far conoscere a gay e lesbiche questo prezioso servizio di counseling, che funziona grazie ai volontari del Cassero.

Spiega Maurizio Betti, responsabile del servizio:

L'omofobia mostra sintomi di grave radicamento nel nostro quotidiano, rendendo ricorrenti le discriminazioni e perfino gli atti violenza, fisica e psicologica, nei confronti di persone gay e lesbiche. L’assenza di norme contro l'omofobia espone gli omosessuali a una fragilità sociale di fronte alla quale è necessaria la messa in campo di strumenti ad hoc: uno di questi è senza dubbio il Telefono amico gay e lesbico, servizio di ascolto, informazione e supporto attivo al Cassero

Il telefono amico gay e lesbico è attivo dal lunedì al venerdì dalle 20 alle 23, al numero 051.555.661. Tutti i riferimenti sono disponibili anche sull’apposito sito e tramite Twitter o Facebook.

I video che accompagnano questo post si riferiscono alla campagna Telefono Amico Gay del 2011.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: