Invocare la pulizia etnica dei gay non è reato

Giancarlo Gentilini con la spadaOrmai la linea di pensiero “opinioni personali” iniziata con l'assoluzione della Binetti prende sempre più piede. Così il pm di Treviso Antonio Lorenzi ha chiesto l'archiviazione del fascicolo a carico di Gentilini che nell'agosto 2007 aveva invocato la “pulizia etnica” contro i “culattoni”. Per il pm non è istigazione a delinquere e nemmeno diffamazione.

Ora la palla passa al giudice che dovrà decidere sul da farsi. Tuttavia parte che la magistratura trevigiana sia stata morbida con Gentilini che, per frasi simili lanciate contro gli immigrati a Venezia, sta per essere rinviato a giudizio.

Dopo il salto il video della dichiarazione. Noblesse oblige.

  • shares
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina: