Medaglie italiane agli Outgames

Chi ha detto che i gay italiani si preoccupano solo di moda e discoteca?

I nostri ragazzi (viva la retorica tele-sportiva) hanno partecipato in buon numero e raggiunto ottimi risutati agli Outgames di Montréal in Canada, quest'anno alla prima edizione, dal 29 luglio al 5 agosto, in alternativa ai Gay Games.

La manifestazione ha superato le aspettative quanto a successo di pubblico e partecipazione complessiva: oltre mezzo milione di spettatori e 18599 fra atleti e accompagnatori. In più, prima delle gare, dal 26 al 29 luglio, si è celebrata la Conferenza mondiale sui diritti umani di lesbiche, gay, bisessuali e transgender. Ovviamente meglio tacere, per carità di patria, sulla quantità di sponsor che hanno sostenuto e finanziato l'evento.

Ma torniamo agli italiani in gara: nel nuoto il Gruppo Pesce ha conquistato 4 argenti e 2 bronzi; nel tennis Luciano Novello, di Atomo, ha vinto la medaglia d'oro.

Il più decorato è stato Giampiero Mancinelli, italiano di origine umbra ma trasferito ormai da anni a San Francisco in California, dove fa il ricercatore all'università di Stanford. Per lui, che si è presentato da indipendente, una pioggia di medaglie nell'atletica, nella categoria 40-44 anni (ops, forse non si doveva dire): oro nel salto triplo, argento sui 100 metri e nel lancio del martello, bronzo nella 4x100.

Complimenti! Nel suo caso la fuga dei cervelli è anche fuga dei muscoli.

  • shares
  • Mail