Papua Nuova Guinea: un microchip per i sieropositivi

Polemiche in Indonesia per un progetto di lotta all'Aids, che prevede l'impianto obbligatorio di un microchip nei sieropositivi, per controllare i loro comportamenti e impedire che diffondano l'infezione.

Pare che nello stato asiatico, la concentrazione di nuovi casi sia particolarmente alta nella Papua Nuova Guinea e che per combattere il virus le autorità siano disposte anche a calpestare i diritti degli individui. La proposta non è una dichiarazione estemporanea, ma uno degli articoli della nuova legge che il Parlamento dovrebbe approvare in questi giorni.

Secondo i politici favorevoli, la misura si applicherebbe solo a quei sieropositivi che mantengono una condotta sessuale "promiscua e aggressiva", ma non è semplice definire questi concetti; e inoltre in Papua Nuova Guinea, la diffusione dell'Hiv è legata ad alcune pratiche riturali, agli scambi di coppia, alla scarsa informazione sull'Aids e a un uso molto ridotto del profilattico. Non sarebbe meglio cominciare da questi punti?

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: