Il turismo gay vale oltre 3 miliardi di euro

Fanno girare l'economia (Berlusconi ci dovrebbe riflettere su), scoprono luoghi incontaminati per poi cederli agli adolescenti in preda all'ormone e poi alle famiglie, alimentano l'industria del turismo che una volta era un volano per l'Italia. Sono i gay che viaggiano: il turismo rivolto a loro vale circa 3,2 miliardi di euro all'anno secondo l'agenzia Ttg Italia.

Mete come Mykonos, Gran Canaria, l'italiana Torre del Lago, Ibiza (che vedete in foto) sono diventate di moda proprio grazie ai gay che per primi le hanno scoperte, salvo poi essere sopraffatti dalle orde di vacanzieri in libera uscita. Ormai, per esempio, Mykonos è un'isola per famiglie, salvo qualche angolo ancora poco noto. In ogni caso la clientela gay muove il 10% del fatturato turistico a livello mondiale e il 7% in Italia.

All'estero si parla anche di crociere a tema, villaggi turistici e pacchetti vacanze; qui siamo ancora all'abc, anche se qualche operatore già da anni lavora in questa direzione. Perché la clientela esiste e ignorarla sarebbe sciocco e autolesionista oltre che anti-storico.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: