Tu quoque, Martina? La Navratilova in un reality "gay"

Ho il serio dubbio che i più giovani tra voi non sappiano nemmeno chi sia. Eppure Martina Navratilova non solo è stata una delle più grandi tenniste di tutti i tempi (basti contare il suo record di vittorie a Wimbledon se si calcolano singolare, doppio e misto); ma per lunghissimi anni è stata l'unica lesbica visibile dei telegiornali, del mondo "pubblico" e ancor di più dello sport.

Non solo una donna lesbica, ma anche vincente: una donna che, dopo aver superato i propri traumi interiori, non meno di quelli politici (dalla Cecoslovacchia comunista agli Stati Uniti), è diventata una bandiera delle lesbiche di tutto il mondo, subendo persino attacchi personali da parte di giornalisti insospettabili.

Adesso, a qualche anno dal ritiro dopo una carriera straordinaria e straordinariamente longeva, Martina torna come concorrente di un relity show sul canale britannico Itv. "I'm a celebrity... get me out of there!" è il titolo dello spettacolo, che vedrà l'ex campionessa alle prese con la giungla australiana, insieme ad altre nove celebrità. Ma attenzione: la Navratilova non sarà l'unica star omosessuale; con lei ci sono anche George Takei (mister Sulu sulla storica Star Trek) e l'ex comandante della polizia di Londra Brian Paddick, entrambi gay. Libera lei di andarci, liberi noi di ricordarcela quando danzava letteralmente sotto rete sui campi in erba di Wimbledon.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: