Per San Valentino le coppie lesbiche e gay avranno sconti nei musei?

Per San Valentino le coppie lesbiche e gay avranno sconti nei musei?

È ormai una tradizione per il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, in occasione della Festa degli innamorati, il 13 e 14 febbraio, invitare, con un biglietto solo, tutte le coppie nei musei e luoghi d’arte statali.

Inizia così la lettera che Flavio Romani, presidente nazionale Arcigay, ha inviato al Ministero per i Beni e le Attività Culturali, con oggetto: rassicurazioni ingresso musei a San Valentino per coppie di omosessuali e lesbiche.

Continua Romani:

È una iniziativa carica di significati che unisce alla bellezza degli affetti quella dell’arte e sono davvero numerose le famiglie di gay e lesbiche che partecipano all’iniziativa invitando la persona amata in un museo.

Che poi nota:

Se, anno dopo anno, registriamo una sempre miglior accoglienza per le coppie di persone dello stesso sesso nei musei che aderiscono all’iniziativa, sporadicamente le coppie omosessuali non riescono ad accedere ai musei perché qualche obiezione, difficoltà, insieme all’esplicitazione di pregiudizi, sono accampati nelle biglietterie.

Ecco quindi il perché di questa lettera:

Siamo a scrivervi allora per avere rassicurazioni in merito e per chiedervi la gentilezza di esprimere in forma esplicita quest’anno e per quelli futuri, viste e considerate le difficoltà che sono state denunciate negli anni scorsi, che l’accoglienza è per tutte le coppie di innamorati, eterosessuali e omosessuali: a tutte le future famiglie. Sarebbe poi auspicabile se poteste diramare una circolare alle istituzioni che aderiranno all’iniziativa per chiedere loro di accogliere positivamente e inserire all’interno delle campagne sul territorio lo stesso messaggio inclusivo.

In conclusione:

Sicuramente una vostra esplicitazione in questo senso convincerebbe molte più coppie di omosessuali e lesbiche a partecipare alle iniziative e favorirebbe il transito verso quella meta di non discriminazione e piena parità a cui ci chiama l’Europa e la Democrazia nella quale ci riconosciamo.

Foto | photosteve101 via photopin cc

  • shares
  • Mail