Trento: consigliere attacca omosessuali

Non ha risparmiato nessuno Emilio Giuliana, consigliere comunale e candidato di Fiamma Tricolore alle elezioni provinciali di domenica scorsa per la provincia autonoma di Trento. A palazzo Thun fra zingari ed immigrati, nel mirino del consigliere di destra sono presto finiti gli omosessuali sui quali è stato dichiarato:

"I gay sono malati da rieducare nelle cliniche"

Giuliana in un'intervista a l'Adige respinge l'accusa di aver associato l'omosessualità alla pedofilia nonostante nel 2005 avesse rilasciato dichiarazioni in merito proprio in commissione pari opportunità, ma conferma la sua convinzione che l'omossualità sia una patologia perché a suo dire la scienza non l'avrebbe mai smentito ed il depennamento dall'elenco delle malattie sarebbe stata solo una mossa lobbistica.

Alto il coro di dissenso verso le dichiarazioni del consigliere ma soprattutto nei confronti del sindaco Alberto Pacher, colpevole secondo quanti si sono opposti alle dichiarazioni del consigliere, di non aver preso le distanze da quanto detto Giuliana. Il sindaco ritiene infatti che per quanto estreme e per quanto lontane dalle proprie ogni consigliere debba essere libero di poter esprimere le proprie opinioni.

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: