AIDS: una speranza tutta italiana

AidsUna ricerca congiunta del Cnr e dell'Università di Siena ha portato alla scoperta di una molecola capace di bloccare l'infezione dell'AIDS. Il professor Giovanni Maga spiega la scoperta:

“Il virus Hiv è un parassita delle cellule umane e dunque non è capace di riprodursi al di fuori dell'organismo infetto”.

Quindi per moltiplicarsi entra in una cellula, la priva delle sue risorse nutritive ed energetiche e inizia a “costruire” nuovi virioni. Continua il professor Maga:

“All'interno della cellula infetta -il virus prende il controllo di numerosi enzimi cellulari, obbligandoli a lavorare per produrre nuove particelle virali. Uno di questi enzimi è la proteina cellulare DDX3 che ha il compito di facilitare il flusso di informazione genetica tra il nucleo, dove l'informazione viene custodita, e il citoplasma, dove l'informazione viene tradotta in nuove proteine”.

Quindi i ricercatori hanno “disegnato” una molecola su misura per la suddetta proteina:

“Questa piccola molecola si è dimostrata in grado di bloccare l'azione di DDX3, causando l'interruzione della replicazione virale dell'Hiv, senza però danneggiare le cellule non infette”.

E poi si vogliono tagliare i fondi alla ricerca italiana...

Via | Corriere

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: