Il film Behind The Candelabra rifiutato da Hollywood perché troppo gay

candelabra

I cugini di Cineblog ci aggiornano su una notizia che lascia sorpresi (solo in parte, probabilmente) e che dimostra come l'America e l'Hollywood dorata (come siamo abituati ad immaginarla) non siano così ancora pronte ad imbarcarsi completamente in territorio gay. Se alcuni progetti sembrano quasi coraggiosi in contro alla nostra Italia bigotta e amante della censura (leggi Brokeback Mountain) non è tutto oro quel che luccica.

Il regista Steven Soderbergh ha infatti ammesso le numerose difficoltà per portare a termine e riuscire a vendere il film "Behind The Candelabra ", incentrato sulla vita del pianista e artista Liberace, omosessuale non dichiarato morto nel 1987 per Aids.

Ecco le precise parole che evidenziano il problema alla base:

Nessuno voleva farlo. Siamo andati da chiunque [a Hollywood]. Avevamo bisogno di cinque milioni di dollari, ma nessuno voleva darceli: tutti ci dissero che era troppo gay. E questo dopo “I segreti di Brokeback Mountain”, comunque. Che non è proprio divertente come questo film. Ero scioccato. Non aveva senso per nessuno di noi. Ciò che pensavano gli studios era: “Non sappiamo come venderlo”. Erano spaventati."

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: