Parroco gay con brasiliano escort in Chiesa a Genova


Genova, una parrocchia, un sacrestano che accusa un brasiliano ospite della Chiesa di furto e il caso scoppia diventando una vera bomba nucleare. Interrogato, l'uomo extracomunitario spiega: è ospite da otto mesi del sacerdote, riceve vitto e alloggio e uno stipendio di alcune centinaia di euro per far sesso con lui e per adescare altri giovani per sesso di gruppo. Non solo a Genova, ma nel nord Italia e all'estero (alle Canarie, ad esempio).

Il furbacchione, per difendersi in caso di problemi, ha ripreso e registrato prove inequivocabili (come degli sms) contro di lui.

Il prete lo ha denunciato per calunnie. Il parroco è molto apprezzato dalla comunità e dai suoi fedeli e in Curia, dice l'articolo de Il Secolo XIX.

Peccato che sia perfettamente compatibile, avere un accompagnatore trattato come un escort ed essere un buon parroco, anche se è inaccettabile dal punto di vista cattolico. Qui le valutazioni sarebbero troppo semplici: ormai non ci si stupisce manco più, ragazzi.

  • shares
  • Mail
15 commenti Aggiorna
Ordina: