Federico Garcia Lorca sarà riesumato

Federico Garcia LorcaDi questo periodo non c'è pace per i morti: dopo il cardinal Newman è la volta di un altro gay. Federico García Lorca – fucilato dalle milizie franchiste oltre 70 anni fa, perché uomo di sinistra e omosessuale – sarà riesumato dalla fossa comune del Burrone di Viznar nei pressi di Granada. La famiglia – dopo 30 anni di veti – ha dato il permesso, anche se a malincuore. Laura García Lorca, nipote di Federico, ha dichiarato:

“Non lo impediremo. Preferiremmo che non accadesse, ma rispettiamo il desiderio delle altre parti coinvolte”.

Infatti alcuni parenti di persone sepolte nella stessa fossa comune hanno chiesto l'apertura della tomba e il riconoscimento dei cadaveri. Ha continuato la nipote di Garcia Lorca:

“Una esumazione parziale toglierà importanza al vero cimitero dove giacciono tante vittime della stessa repressione. Ci preoccupa che segni una differenza fra gli uni e gli altri: ora tutti riposano in un cimitero comune, tutti sono stati vittime dello stesso selvaggio e crudele assassinio. [Lo zio] deve riposare lì, come uno fra gli altri, in ordine alfabetico”.

Federico García Lorca era stato catturato dai franchisti a Granada il 16 agosto 1936 in seguito a una denuncia anonima. Due giorni dopo, all'alba, venne fucilato nel vicino villaggio di Alfacar dai sicari del centro di torture e gettato nella fossa comune accanto ai cadaveri del maestro repubblicano Dioscuro Galindo e dei due toreri Francisco Galadí e Juan Arcolla, membri del sindacato anarchico.

Via | Ansa

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: