Regno Unito: uomo gay rifiuta deportazione in Uganda

Un altro caso di richiesta d'asilo negata in Gran Bretagna a una persona omosessuale. Stavolta si tratta di un cittadino ugandese, John Nyombi di 38 anni, che ha rifiutato di imbarcarsi sull'aereo per essere deportato nel suo paese d'origine, dove teme di essere perseguitato a causa del suo orientamento sessuale.

Nel paese africano l'omosessualità è fuorilegge e i gay vengono arrestati dalla polizia e rischiano persino l'ergastolo. Nyombi, che dal 2002 lavorava nel Regno Unito, stava per essere trasferito in aereo in Uganda, ma per adesso rimane affidato ai servizi dell'immigrazione dopo che un gruppo di suoi sostenitori all'aeroporto di Gatwick ha protestato contro la sua deportazione.

In Uganda la campagna anti-gay è sempre più aspra, a causa dei cosiddetti cristiani rinati che fanno capo alla chiesa pentecostale e proprio in questi giorni stanno celebrando una manifestazione a sostegno del matrimonio, la Great Marriage Celebration, durante la quale il pastore Martin Ssempa è stato premiato per la sua "battaglia contro l'omosessualità", giudicata un errore in grado di condurre la razza umana all'estinzione.

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: