Gay Pride 2009: al lavoro per una data alternativa

Foto da un prideIl prefetto di Genova, Anna Maria Cancellieri, dopo un incontro con Riccardo Gottardi, segretario nazionale di Arcigay, per fissare una data alternativa al Gay Pride del 2009, ha dichiarato:

“È emersa la voglia di lavorare insieme con serenità. La decisione finale arriverà tra qualche tempo anche perché attorno a quella data ruotano altre questioni, tra cui le elezioni europee, anche se non ancora stabilite con precisione ma presunte per quella data. Quando avremo un quadro preciso di riferimento ci organizzeremo di conseguenza. Mi riesce difficile immaginare una città che tutto sommato non è enorme percorsa da due cortei [Gay Pride e Corpus Domini] che potrebbero coincidere nei percorsi”

Gottardi le fa eco:

“Fare la sfilata il giorno prima delle elezioni non avrebbe senso dal momento che facciamo rivendicazioni politiche di cui non si potrebbe parlare. Stessa ora e stesso posto è difficile anche perché non sarebbe corretto nei confronti delle persone che magari vogliono partecipare a tutti e due gli eventi. Cerchiamo di favorire la partecipazione di tutti a tutte e due le iniziative”.

Senza voler fare polemiche, ma se c'erano tutti questi eventi concomitanti, perché è stata scelta proprio quella data? Poi, pur non essendo fissa, la data del Gay Pride nazionale non è solitamente intorno al 28 giugno, per ricordare Stonewall? O forse si sta facendo a gara con altre associazioni a chi lo fa prima per aver maggiore copertura mediatica? Ai posteri, l'ardua sentenza

Via | AGI

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: