Spagna: "Sospensione per il giudice omofobo"

Espulso dalla magistratura. È questo il rischio che sta correndo il giudice spagnolo Fernando Ferrín Calamita, colpevole di aver abusato del suo potere ritardando senza motivo la causa di una donna che chiedeva di adottare la figlia biologica della propria compagna. In pratica questo giudice, che più di una volta ha dimostrato di essere conservatore e di disprezzare le unioni fra persone dello stesso sesso, ha impedito a lungo che una bambina avesse due madri invece di una sola.

Secondo il pubblico ministero del Tribunale superiore della regione di Murcia - dove sono avvenuti i fatti - il giudice deve essere condannato a 18 anni di inabilitazione alla professione (il che lo porterebbe dritto in pensione), oltre a una multa di 810 euro e un indennizzo alla donna di 18mila euro.

Nel 2006 la donna aveva avviato le procedure per l'adozione, ma è incappata nella sezione del giudice Calamita, il quale inopinatamente ha chiesto un parere all'ufficio Psicosociale, per valutare se la presenza di due genitori dello stesso sesso non fosse pregiudizievole per la bambina. Peccato che in Spagna ormai il matrimonio fra persone dello stesso sesso è legge; dunque, obietta il procuratore, il giudice Calamita ha solo tentato di rallentare le pratiche infliggendo un danno inutile alla donna. Ovviamente ci sono anche le opinioni della stampa conservatrice, che in qualche modo sostiene l'utilità e la buona fede dell'indagine del giudice.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: