Profilattici: il Vaticano contro Strasburgo

Grande maggioranza ieri per una risoluzione del Parlamento Europeo di Strasburgo che tutela il diritto delle donne all'aborto.

Significativa, inoltre, soprattutto per le conseguenze in termini di prevenzione e lotta all'aids e alle altre malattie a trasmissione sessuale, la presa di posizione dell'Europarlamento sui contraccettivi: Strasburgo infatti deplora "il divieto di usare contraccettivi" che da sempre è uno dei principali cavalli di battaglia della Chiesa in materia di sesso, con le tragiche e ben note conseguenze in termini di diffusione dell'hiv nei paesi del Terzo Mondo.

Tempestiva e prevedibile la replica della Conferenza Episcopale Italiana: "i grandi valori della vita e della dignità umana" non stanno a cuore ai parlamentari europei, secondo i vescovi.

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: